Le ricostruzioni di danneggiamenti sono necessarie se il risultato ottenuto fino a quel momento non permette di comprendere come sia potuto avvenire il delitto. Ciò può avvenire nel caso di azioni criminali e delle varie conseguenti fasi, ma può anche estendersi all’impiego di differenti attrezzi, come per esempio nello scassinare porte o finestre.

Tali ricostruzioni sono soprattutto necessarie se bisogna chiarire se l’azione sia dolosa o meno (azione attiva con lo scopo di creare un danno), ma anche se è avvenuta un’azione che ha provocato involontariamente un danno (azione colposa con un danno imprevedibile). In tal caso è essenziale chiarire se le tracce corrispondono a quelle di un atto reale o a quelle di una simulazione.

Per poter eseguire una ricostruzione è necessario un sopralluogo dove verranno prese le misure e fatte delle fotografie. Con un programma per simulazioni si parte dallo stato attuale del danno per ricreare l’immagine originale prendendo in considerazione le tracce sorte durante la modifica dello stato. Ogni singola fase viene ripresa e rappresentata in una simulazione sul computer. Si possono rappresentare, per esempio, i movimenti degli utensili, la creazione delle tracce, gli spazi necessari per compiere l’azione e anche i mezzi utilizzati a tal fine.

Con l’aiuto di determinati calcoli possono essere stabilite, se necessario, anche le forze applicate che potrebbero, eventualmente, fornire dati utili per le indagini. La base per la creazione del programma e per la simulazione al computer sono fornite dalla lunga esperienza e dai vari esperimenti effettuati nel tempo e adeguati ai singoli casi.

Riproduzione di una stanza

Tentativo di ricostruzione dello svolgimento dei fatti

Tentativo di rottura di un pannello di vetro

Immagine di rottura simile allo svolgimento dei fatti

Immagine delle lesioni

Valutazione dell’immagine del vetro